FORUM

CLASSICI CONTRO

PENSIERI CLASSICI, PAROLE CRITICHE

 

2017.7

 

UTOPIA (EUROPA)

UTOPIA (EUROPA)

 

 

EDITORIALE

 

 

In attesa dei Classici Contro nei teatri che diverranno spazio d'incontro e simbolo per il nostro progetto, abbiamo pensato di riaprire una discussione ad ampio raggio attorno all'iniziativa, o meglio intorno a questa idea che desideriamo condividere tra tutti coloro che leggono, studiano e vivono con i nostri autori antichi. Abbiamo discusso di questo pensiero con molti amici vicini e lontani, italiani e stranieri, ed Ź sembrato subito un buon pensiero. E i testi notevoli degli scorsi anni sono apparsi interessanti, suggestivi, per le idee e anche per le immagini, ci hanno dato un bel senso di entusiasmo e di inquietudine al tempo stesso. Vale la pena sperimentare nuovamente l'impresa con un raggio piu' ampio di interventi.

Proponiamo cosi' nuovamente una serie di commenti brevi o brevissimi ispirati all'idea che sostiene i Classici Contro, ossia alla parrhesia dei Classici, al confronto tra Classici e presente, a cio' che sono e possono essere i nostri Classici nella societą globale in cui viviamo. E in relazione ai temi di quest'anno parliamo di Utopia(Europa), di come si puo' diventare cittadini europei: interveniamo sempre a partire da una parola, da un testo o da un'immagine antica.

Ascolteremo voci diverse, ognuna con una sua prospettiva, in relazione agli interessi scientifici, culturali e letterari di ogni singolo lettore. Saranno tutti intenzionalmente dei corti: abbiamo chiesto, con leggerezza, di non superare le trenta-quaranta righe, una o due paginette. Abbiamo preso anche scherzosamente qualche paradigma noto, tipo una Bustina di Minerva, un Contromano, senza arrivare a un'Amaca o a un Posacenere (tutto comunque Ź nelle possibilita'). Ma, nella loro brevita', o forse proprio per quella, con un semplice spunto, una riflessione seriosa o preoccupata, una allusione, un gioco ironico, o anche un rovesciamento dei punti di vista consueti, questi pensieri attorno ai Classici Contro 2016-2017 Utopia(Europa) potranno essere un buon contributo plurale per tutti noi, sia che studiamo, insegniamo, scriviamo di greco e di latino, sia che, da cittadini qualunque, nella vita quotidiana ci ritroviamo ogni tanto con una immagine o una parola di Odisseo o di Edipo, di Socrate o di Cicerone nella mente per interpretare cio' che accade e per spiegarci cio' che stiamo facendo. I miti antichi e le storie serviranno a capire cosa Ź avvenuto e cosa avviene nel nostro tempo.

Cominceremo con le voci che giungeranno, e si apriranno una serie di prospettive e di riflessioni che rispecchieranno il carattere immediato del dialogo, senza una articolazione premeditata. O forse un po' di premeditazione c'Ź anche in questo. Avremo, cosi', una molteplicitą di interventi che ci diranno un po' di cose sui Classici, ma che ci aiuteranno anche a costruire il progetto dei Classici Contro e a pensarne pian piano il percorso impegnativo di teatro in teatro fino al Teatro Olimpico e oltre. Auspichiamo il contributo di molte voci diverse tra loro, per quella pluralita' di pensieri che sta nella genesi dell'idea e che ritroveremo in tutti i Classici Contro.

 

 

 

Venezia, 9 settembre 2016

 

 

 

 

FORUMCLASSICICONTRO  UNIVERSITA' CA' FOSCARI VENEZIA

 


 

CLASSICI CONTRO

a cura di Alberto Camerotto e Filippomaria Pontani

UNIVERSITA' CA' FOSCARI VENEZIA

Dipartimento di Studi Umanistici

alcam@unive.it - f.pontani@unive.it

http://lettere2.unive.it/flgreca/ClassiciContro.htm