Il progetto

Il manoscritto P.D. c 4, sottoposto a una frequente consultazione in contrasto con le esigenze di conservazione del manoscritto stesso, è stato oggetto di un restauro integrale resosi necessario per ripristinare la legatura, i fogli sciolti e le carte strappate. In occasione del restauro si è pensato di procedere alla digitalizzazione integrale dei cinque volumi. Disponendo infatti dei fogli sciolti l'acquisizione in digitale è risultata particolarmente agevole. E stato così possibile eseguire le scansioni ad alta risoluzione direttamente con uno scanner piano.

L’obiettivo era di usare le riproduzioni digitali per sostuire il manoscritto nella consultazione da parte del pubblico. Le possibilità che si offrivano inizialmente in questo senso erano eseguire una copia cartacea o mettere a disposizione degli utenti un cdrom con le immagini.

L’idea della pubblicazione in rete è nata proprio per valorizzare al meglio la riproduzione del manoscritto in possesso della Biblioteca, offrendo a tutti la possibiltà di consultarlo. Il sito si è sviluppato come una ricerca per trovare un modo di consultare agevolmente via internet la riproduzione del manoscritto.

Il sito utilizza un file XML per indicizzare le immagini: esso contiene tutte le informazioni sui nomi, i volumi e le pagine, visualizzate attarverso fogli di stile.

Immagini originali

Le immagini sono state digitalizzate con scanner piano a una risoluzione di 360 punti per pollice, a colori. Ogni immagine ha dimensioni intorno ai 20Mb in formato PNG.

Immagini in rete

Per la pubblicazione in rete sono state ottenute due serie di immagini in scala di grigi, in formato compresso JPG: una prima serie ridimensionata a 800 pixel per il lato corto (le dimensioni sono mediamente 200Kb) e una seconda con lato corto di 1024 pixel (le cui dimensioni medie dei file sono circa 1Mb).


[e-mail]